Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/newcomweb/public_html/librandum/htdocs/config/ecran_securite.php on line 259
La rilegatrice dei libri proibiti - Belinda Starling - Librandum

La rilegatrice dei libri proibiti - Belinda Starling

Postato da Annalisa Bizzarri in Recensioni - A pesca di libri

La rilegatrice dei libri proibiti
Belinda Starling
Neri Pozza - 2008
€ 18,00

In uno dei quartieri più poveri della Londra del XIX secolo, lungo il Tamigi, c’è la legatoria di Dora Damage. È lei la rilegatrice dei libri proibiti, la protagonista di questo romanzo storico dell’esordiente Belinda Starling, giovane scrittrice morta prematuramente.

Di fronte all’inevitabile fallimento della legatoria, a causa dei debiti e della malattia alle mani che affligge il marito Peter, Dora Damage decide di mandare avanti la piccola azienda, nonostante la legge dell’epoca vieti alle donne di lavorare. La donna, insieme all’aiutante Jack, si getta con entusiasmo nella rilegatura dei libri del gruppo di bibliofili dei Sauvages Nobles, che il viscido libraio Diprose, su commissione dell’aristocratico Sir Jocelyn Knightely, le procura.

I manoscritti, però, contengono letture sconvenienti per una donna, poiché, in una ambientazione esotica, raccontano di imbarazzanti vicende a sfondo sessuale e di rapporti al limite della perversione. Dora non può fare a meno di leggerli, e anche se resta scandalizzata, è incuriosita da quel che succede in quei racconti. Essa non sa a quali pericoli va incontro. Di fatto, Diprose e Sir Jocelyn la tengono in pugno: essi non la denunceranno alla polizia per la sua attività alla legatoria solo se fingerà di ignorare il contenuto dei loro libri proibiti.

In una trama ricca di tematiche che si mescolano, si dipana la storia di Dora, donna dai saldi principi morali, che si trova al centro di esperienze trasgressive per l’epoca, come l’amicizia con Lady Knightely, ripudiata dal marito; per non parlare del rapporto amoroso che essa intreccia con l’ex schiavo negro Din.

A conferma di tutto ciò e a dispetto del suo cognome “Damage”, che in italiano sta per “danno”, Dora non può che battersi per la giustizia e l’uguaglianza delle lavoratrici inglesi riunite nel Libero Sindacato delle Rilegatrici.