La danza del gabbiano - Andrea Camilleri

Postato da Filomena Caccia in Recensioni - A pesca di libri

La danza del gabbiano
Andrea Camilleri
Sellerio Editore
Palermo - 2009
€ 13,00

Ancora una notte insonne per il commissario Salvo Montalbano che dalla sua verandina tra il rumore della risacca e la brezza marina viene distratto dalla strana danza di un gabbiano che " sempre cchiù traballiante (...) doppo un sono altissimo che parse umano, perso l’appojo dell’ala, s’accasciò di lato e morì."

All’età di 57 anni il commissario di Vigata, dialogando idealmente con il suo alter ego televisivo, si trova a dover risolvere un caso che lo coinvolge particolarmente perché riguarda la misteriosa scomparsa del suo collega e amico Fazio.

Camilleri, autocitandosi nel romanzo, dipinge un Montalbano a tratti malinconico, dubbioso, sconvolto in egual misura dall’ insolita danza del gabbiano a cui ha assistito prima di recarsi in commissariato e dalla assai cruenta scena del crimine.

Desolate terre disseminate di pozzi che custodiscono cadaveri, torture, politici corrotti, pescherecci e traffici illeciti di armi chimiche, cene consolatorie che fungono da remedia amoris fanno da sfondo alla storia nella quale però non mancano le rassicuranti maschere di Catarella, Adelina, Livia, Pasquano, Augello.

Prezioso contributo per entrare meglio nella storia è come sempre la lingua usata da Camilleri: un italiano contaminato dal siciliano che arricchisce di creatività e intensità il racconto tanto nei dialoghi quanto nell’intreccio vero e proprio.