Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /home/newcomweb/public_html/librandum/htdocs/config/ecran_securite.php on line 259
INTERVISTA AGLI EDITORI DELLA MADONNA - Librandum

INTERVISTA AGLI EDITORI DELLA MADONNA

Postato da Mara Bevilacqua in Recensioni - Interviste

Ci sono libri meravigliosi che non vedono mai la luce. Ci sono sprechi di carta che riempiono le librerie di tutto il mondo.
E poi ci sono i libri degli Editori della Madonna.
Questi paladini dell’avanguardia editoriale ci deliziano regolarmente con il sudato frutto della loro maestria sul blog omonimo. On line solo da maggio 2012, ha già avuto circa 10.000 visite, di cui più di 5.000 nel mese scorso.
Abbiamo fatto una chiacchierata con loro per conoscerli meglio.

1. Lungi da me il desiderio di svelare la vostra identità segreta, ma consentitemi almeno di chiedere: cosa fanno Pardo, Magda, Allerta, Mabella e Antonomasio quando non fanno gli Editori della Madonna?

- Nessun segreto: gli Editori della Madonna lavorano tutti, a vario titolo e con ruoli diversi, nell’ambito del digital e della comunicazione. In fondo, il loro incontro non è avvenuto in maniera molto diversa da quanto descritto nei profili…

2. Come è nata l’idea del blog?

- Un po’ per gioco. Ci capitava spesso di creare finte trame di libri da battute che uscivano tra noi, e quando abbiamo iniziato a prenderci gusto abbiamo deciso di raccoglierle tutte e aprire un blog, in modo da poterci sbizzarrire anche sull’invenzione delle copertine. È stato anche un modo per coinvolgere altra gente in ciò che ci faceva divertire.

3. Il senso di questa simpaticissima dissacrazione qual è? Mettere semplicemente alla berlina certa supponenza editoriale – la maggior parte delle vostre pubblicazioni è giusto una tacca più assurda di quelle che si trovano in libreria – o, proprio per questo, sottolineare con ironia che il mercato del libro si sta avvicinando pericolosamente alla perdita di credibilità?

- Il blog non è nato con intenti di critica nei confronti dell’editoria tradizionale, anzi siamo tutti amanti dei libri e avidi lettori. Ci piaceva l’idea di giocare sul senso delle copertine, che al giorno d’oggi rappresentano un fattore importantissimo nella scelta di un libro. Di certo bisogna dire che, rispetto a certi titoli che vengono pubblicati davvero, i nostri libri non sembrano neanche così poco plausibili! Proprio da questo nasce la sezione “Un tanto al chilo”, in cui raccogliamo quei libri visti in giro (di solito tra gli scaffali del supermercato) che avremmo potuto tranquillamente pubblicare noi.

4. In qualità di editori, quale vuoto dell’editoria italiana intendete colmare?

- Non vogliamo colmare un vuoto nell’editoria ma stiamo cercando di fare satira intelligente sui libri e sull’editoria. Ci piacerebbe diventare una sorta di Spinoza.it per l’universo del libro.

5. Raccontatemi la vostra linea editoriale.

- Le nostre pubblicazioni seguono due filoni principali: da un lato c’è la parodia di libri già esistenti, che gioca su titoli e copertine, mentre dall’altro c’è la creazione di libri originali, che nascono da noi o che ci vengono proposti da persone che leggono il blog (tramite questo form). In questo secondo caso, l’ispirazione per un libro può nascere davvero da qualunque cosa.

6. Riscontri e gradimenti alle vostre pubblicazioni?

- Fin da subito i nostri libri hanno avuto un buon successo, con riscontri positivi da amici e non solo. Alcuni titoli più di altri si sono mostrati particolarmente adatti alla condivisione sui social, come è successo a “La solitudine quando si arriva per primi”, probabilmente perché le persone si sono immedesimate nella tematica del titolo. Abbiamo ricevuto consensi anche dal mondo dell’editoria tradizionale: la casa editrice romana e/o ha retweettato uno dei nostri ultimi libri.

7. Non vi aspettate che, prima o poi, il Vaticano vi faccia questioni sul copyright del vostro nome? E, a proposito di logo, chi, o cosa, è la fanciulla mentuta?

- No, perché siamo in missione per conto della Madonna! Il logo assomiglia a quella cantante che ci ha rubato l’idea del nome.

8. I vostri titoli preferiti? Il mio, al momento è questo.

- Com’è facile immaginare, ognuno di noi ha i suoi… Magari alcuni titoli sono stati più azzeccati di altri, come "Fermando Alonso", "Accèttati", "L’eleganza del Miccio"… ma in fondo i figli so’ piezz ’e core e ci piacciono tutti!

9. Qualche anticipazione su nuove uscite o collane?

- Tra le prossime uscite in cantiere abbiamo alcuni contributi ricevuti dai nostri lettori: preparatevi per un’oscura trilogia con ambientazione vaticana. Restate con noi!